mercoledì 29 giugno 2011

Piccoli uccellini crescono...


È passato ormai quasi un mesetto da quando è arrivato il piccolo Switty in questa casa (leggi qui)... lo abbiamo trovato che era un piccolo uccellino infreddolito, impaurito e disidaratato. Superati i pimi giorni con un pò di fatica (da parte sua e mia - devo ammettere che c'è stato un momento in cui ho temuto il peggio) ha cominciato pian piano a riprendersi ed oggi gode ormai di ottima salute, tanta fame e tanta voglia di sbattere le sue, non proprio poderose, ali.

Un giorno si e uno no lo libero in camera per farlo esercitate un pò, lentamente comincia a prendere confidenza con il volo, anche se gli atterraggi non sono esattamente il suo forte... diciamo che più che altro precipita o si schianta, ma non temete non ci sono stati ancora danni collaterali...

Per ora lo tengo in camera mia, anche perchè ancora non è capace di mangiare da solo e quindi mi tocca ancora nutrirlo con una siringhina, ma il programma futuro, una volta cresciuto e diventato indipendente è quello di liberarlo nel parco che c'è di fronte casa mia. Ritengo che un animale nato libero abbia il diritto di vivere libero e anche se non posso negare di essermici affezionato e non poco credo che liberarlo sia la cosa più giusta per lui...



18 commenti:

  1. Bravo MazzingA ! sO CHE NON è facilissimo salvargli la vita Benissimo poi liberarlo !

    RispondiElimina
  2. Beh BIMBO liberarlo mi sembra la cosa più giusta, infondo gli uccelli sono nati volare liberi fra le nuvole e tenerli chiusi in una gabbieta la trovo una cosa tristissima...

    RispondiElimina
  3. ma che carino!!! versione aggiornata de "La gabbianella e il gatto": il passerotto e Mazinga!!

    RispondiElimina
  4. Carino è Guchi :) e guarda che se lo vedi dal vivo lo è ancora di più, sembra un piumino per la cipria :) :) :)

    RispondiElimina
  5. certo che la storia di un uccello raccontata da un gay è il colmo..ahahah bacio

    RispondiElimina
  6. Ma che dolce :) e che bella canzone!!

    RispondiElimina
  7. Se fosse un libro, la tua storia entrerebbe di diritto nella letteratura di formazione, quella che nell'800 venivano fatti leggere ai giovani rampolli... eheheh
    A parte gli scherzi è bello leggere che ogni tanto qualcuno (tu) faccia qualcosa senza pretendere nulla, se non il benessere degli altri (il tuo uccello).
    Certo che però deve essere dura per te lasciarlo andare via, però come tutte le mamme animali, anche tu dovrai farlo. ^___^

    RispondiElimina
  8. Che dire AMOON ci sono ucelli e ucelli :p

    RispondiElimina
  9. Che carinio. E dici bene quando parli di liberarlo. Tutti dobbiamo essere liberi e lui nn è da meno.

    RispondiElimina
  10. Vero è STILL... è la prima che mi è venuta in mente pensando ad un uccellino da liberare :)

    RispondiElimina
  11. Beh dai FRANCESCO non dipingermi come un eroe, ho fatto quello che avrebbero fatto in molti... però è vero sarà dura lasciarlo andare via... considerando la velocità con cui cresce credo che ci vorrà ancora un mesetto prima di liberarlo e per allora mi sarò ancora di più legato a lui :(

    RispondiElimina
  12. E si RANO è nato libero e non merita di passare la vita dietro le sbarre di una gabbia per quanto tenuto bene e colmato di affetto... per quanto dorate le gabbie sono sempre gabbie...

    RispondiElimina
  13. Speriamo che possa riadattarsi alla vita "selvaggia" ... :)

    RispondiElimina
  14. Ma è davvero un batuffolo! E' molto dolce :) E aggiungerei...fortunato, visto che è capitato tra le mani di uno studente di veterinaria :) So che sarà dura per te, ma trovo anch'io che sia giusto che torni libero.
    Bella la canzone, non la conoscevo!

    RispondiElimina
  15. ma che carino :)
    orami per lui sei una mamma! anzi un papa! una volta adulto e autosufficiente non mi sorprenderebbe se non volesse andarsene via una volta liberato :)

    RispondiElimina
  16. E si GUY lo spero davvero, anche se comunque sono ottimista… Switty si sta rivelando un tipo tosto :)

    RispondiElimina
  17. È un batuffolino tenerissimo sai KAPPABI, soprattutto quando dorme e si rannicchia e nesconde la testa fra le ali sembra davvero un piuminio per la cipria :)
    PS La canzone è la primissima che all’epoca io ho sentito di Nelly Furtado… la adoro :)

    RispondiElimina
  18. Beh SKRAM in fondo è nato libero e credo che quello della libertà sia un richiamo irresistibile… anche se da “papàù” non può che dispiacermi nel vederlo andare via…

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...