giovedì 17 novembre 2011

Sono indignato per…

Accolgo molto volentieri l’appello del caro amico Amoon a partecipare al giorno dell’indignazione anche perché trovare un motivo per indignarsi visto lo stato delle cose non è affatto difficile, anzi…
In questa regione siamo in una situazione assurda che quasi sfiora quella di un paese del terzo mondo con i conti pubblici che rasentano l’orlo della bancarotta: gli autobus non partono perché non ci sono fondi per il carburante, i treni della metropolitana provinciale sono latitanti perché non ci sono fondi per ripararli e per pagare il personale, le assicurazioni sono schizzate alle stelle e io dovrò pagare la bellezza di 1.400€ per l’RCA di un’auto vecchia di 12 anni…

In più come se non bastasse il sistema sanitario regionale ha sospeso tutti i pagamenti ai centri esterni convenzionati, sempre per la solita mancanza di fondi, obbligando noi utenti a rivolgerci necessariamente alla ASL per svolgere esami anche banali e allungando all’inverosimile i tempi di attesa… e tutto questo per il pessimo modo in cui fin ora siamo stati amministrati a livello locale, provinciale, regionale e anche nazionale…
Ed ora mi si dice che ci aspettano tempi duri e che tutti dovremo fare sacrifici per riconquistare la fiducia che i mercati hanno perso in noi… Ma scusate esattamente cosa vogliono da noi forse qualche organo interno??? No perché ormai non c’è rimasto altro da dare…

mercoledì 16 novembre 2011

Il passar del tempo...


Ieri mio padre si è svegliato con la voglia di rivedere la casa in cui è cresciuto e mi ha chiesto di accompagnalo a fare un giro per il suo vecchio quartiere… tante cose sono cambiate e nella strada in cui è cresciuto (papà adesso ha 87 anni) ben poco è rimasto com’era.

Delle veccie case arroccate l’una sull’altra in cui lui ha vissuto non è rimasto nulla, del dedalo di scale che si avvolgevano le une sulle altre non c’era più traccia. Tutto è stato abbattuto e al suo posto sorgono solo enormi palazzoni in cemento armato, senza aria e senza sole… solo qui e là è rimasto ancora qualche androne che resiste da quasi cent’anni o qualche vecchia bottega passata di padre in figlio, per il resto non è rimasto nulla e della vecchia strada tranne che qualche ricordo sfumato nella memoria di mio padre… che indicava e descriveva i vari posti come se fossero ancora lì: il carbonaio, il forno, il casanduoglio (che poi sarebbe il salumiere), la merceria… ma adesso nulla solo casermoni o vecchie serrande chiuse e arrugginite…



martedì 15 novembre 2011

Pensieri notturni...

Involontariamente ieri mi è capitato di pensare ad una persona del mio passato e di provare molta nostalgia, la cosa curiosa però è stata che non era tanto di quella persona che avvertivo l’assenza quanto del rapporto che avevo con lui e soprattutto delle tante piccole cose che un rapporto porta con se, di quei tanti piccoli particolari, quasi insignificanti, che però rendono una storia speciale come ricevere un sms nel bel mezzo della giornata senza un motivo particolare solo per farmi sapere che mi pensa... di una chiamata alle 7.30 del mattino per dirmi che mi viene a prendere per fare un pic-nic al mare la mattina del 8 dicembre... di un bacio dato di nascosto in un corridoio dell'università per festeggiare un esame andato bene o anche solo di quelle ore passate in camera sua a parlare stesi sul letto fissando il soffitto a fare progetti...


Quando sono in questo stato sono pericoloso, perché sono vulnerabile e odio essere vulnerabile…


lunedì 14 novembre 2011

Essere o Apparire?

Può sembrare una domanda retorica a cui chiunque sia dotato di qualcosa in più di un unico neurone pigro dovrebbe rispondere “l’Essere”… e invece no, io rispondo apparire, ormai è una convinzione che mi si sta radicando sempre più…


Ora proviamo a ragionarci un attimo su. Se in una stanza ci sono 9 ragazzi simpatici, intelligenti o con qualsiasi altra caratteristica positiva, ma dall’aspetto ordinario ed in più nella stessa stanza c’è il ragazzo più sexy della città, voi chi guardate per primo o chi è che comunque cattura più degli altri la vostra attenzione?

Non ditemi il tipetto simpatico anche se un po’ timido che sorseggia un cosmopolitan (che poi sarei io) perché non è vero e lo sapete…


E la cosa non si limita solo all’ambito personale o sentimentale, ma si sta estendendo sempre più anche a quello professionale… per esempio, vista la grande mole di curricula, che giungono alle società che cercano personale, visto che ormai selezionare per titolo di studio serve a poco dato che tutti hanno ormai almeno un diploma, il principale elemento discriminatorio è diventata la foto che si allega obbligatoriamente al curriculum… per cui se sei di bella presenza un colloquio lo ottieni, altrimenti ciccia agli anni di studio e all’esperienza prematurata e te ne resti a casa…

Che poi se si trattasse di un lavoro a contatto con in pubblico la cosa potrebbe ancora avere un senso, ma invece è diventata prassi anche per essere assunti ad un call center dove te ne devi restare per 6 ore chiuso in un cubicolo al buio dove non ti puoi guardare nemmeno in faccia da solo…


Ultimo esempio, poi basta perché non voglio annoiare nessuno, può essere fatto per gli animali: come studente di veterinaria mi trova ad avere a che fare spesso con cuccioli che cercano casa (anche la mia Minù è una trovatella) e bene provate ad indovinare quali sono quelli animali che trovano casa e quali finiscono invece al canile? Se non lo avete capito ve lo dico subito, i cuccioli teneri, morbidi e pelusciosi sono quelli che trovano presto una famiglia (magari tenera, morbida e pelusciosa pure quella) e vivranno coccolati ed amati, gli altri invece, quelli meno cuccioli, meno morbidi e certamente meno pelusciosi, sono destinati a finire in un cubicolo aspettando l’ora dal gioco o qualche volontario di buon cuore che li porti a sgranchirsi le zampe per una passeggiata…



Premesso tutto questo voi adesso su cosa puntate, sull’Essere o sull’Apparire???


Noticina… questo post non consideratelo poi tanto seriamente anche perché se sei strafigo, ma dietro non c’è nulla resti comunque solo un tipo vuoto destinato a far conquiste per una sera, ma poi restare solo nella vita; se sei di bella presenza, ma al colloquio non hai niente da dire il lavoro non te lo danno ugualmente; se poi sei un cucciolo che sembra dolcissimo, ma poi sei icazzoso da morire al canile ci finisci lo stesso…

Buona giornata…

domenica 13 novembre 2011

Citazioni estemporanee...



“Non ti perdere e impara anche a dire di no… dicendo no ho perso certe occasioni che sai non ritornano, ma fa bene lo stesso se la mia dignità è ancora giovane…”


È vero ci sono occasioni da cogliere al volo e occasioni invece in cui dire non è la soluzione migliore… non so se sia vero che la dignità non ha prezzo, ma se la mia ne ha uno non è certo a buon mercato…

sabato 12 novembre 2011

Gay Penguin Love

Che tristezza quando ieri ho letto la storia di Pedro e Buddy due pinguini africani dello zoo di Toronto che formano una coppia da tempo, ma che sono stati separati per il bene della specie… Mi spiego meglio, purtroppo i pinguini africani sono una specie in via di estinzione per cui negli zoo di tutto in mondo, ove sia possibile, si cerca di farli riprodurre al fine di salvare la specie e anche Pedro e Buddy sono entrati a far parte di questo programma; l’unico problema è che essendo la loro una coppia gay e quindi non fertile saranno separati nella speranza che formino delle coppie con delle femmine e così possano procreare…


OK non è che io voglia l’estinzione dei pinguini africani e sarò anche antiecologista nel dirlo, ma spero tanto che il “gay penguin love” abbia la meglio e che i due piccoletti possano ritornare presto insieme :p


PS comunque i pinguini gay non sono certo una novità… eccovi un servizio del tg5 a riguardo di qualche tempo fa:


venerdì 11 novembre 2011

11/11/11

È la data di oggi… significa forse qualcosa?

Personalmente penso di no visto che è soltanto un numero su un calendario e che il calendario non è altro che una convenzione numerica adottata da noi al solo scopo di scandire in maniera standard lo scorrere del tempo. Quindi se il calendario c’è lo siamo inventati noi e sempre noi abbiamo deciso quale fosse il giorno zero allora perché questa data, seppure molto particolare, dovrebbe avere un significato speciale? Semplice non c’è motivo!


Tuttavia non mi va di sprecare questo numero quindi, visto che poi tanto non ho nulla di meglio da fare, mi sa che dedico la giornata a me stesso e tanto di guadagnato… nel frattempo se hanno ragione quelli che parlano di fine del mondo, arrivo di alieni, dimissioni anticipate di Berlusconi (magari!) o di invasione di ratti mutanti c’è ne faremo una ragione…


Buona giornata a tutti :)

giovedì 10 novembre 2011

Cambiamenti improvvisi...

Ieri spulciando per la rete leggo una notizia che sta facendo il giro dei blog e che mi ha dato molto da riflettere. È la storia di Chris Birchun impiegato di banca appassionato di rugby e prossimo alle nozze con la sua fidanzata. Durante un allenamento Chris ha un malore, un ictus, dal quale fortunatamente riesce ad uscirne senza gravi conseguenze fisiche; il problema però è che questo malore ha avuto conseguenze molto pesanti sulla sua personalità che è decisamente cambiata: ha lasciato il lavoro che non gli dava più soddisfazione, come pure il rugby per mettersi a fare il parrucchiere, un lavoro che afferma dargli molta più gratificazione, e, dulcis in fundo ha lasciato la ragazza perché si è scoperto gay, pur non avendo mai avuto in passato tendenze omosessuali.


Joe Korner della Stroke Association ha spiegato che “Gli ictus sono esperienze traumatizzanti che cambiano la vita. Durante il recupero il cervello fa nuove connessioni che possono innescare cambiamenti di cui i pazienti non sono consapevoli come l'accento, la lingua e talora l'orientamento sessuale”.


Ok se un regbista donnaiolo impiegato in banca può trasformarsi in un parrucchiere gay allora ogni possibile scenario è aperto… Cioè provate a pensarci… un poveretto ha un malore e al suo risveglio è una persona completamente diversa, magari le cose che ha sempre ritenuto importanti e per cui ha lottato una vita intera non contano più nulla…

Così tutto è da ricominciare e tutto da ricostruire da zero… una possibile evenienza decisamente disarmante, ma tutto sommato forse non completamente negativa, in fondo sono in tanti a pensare di voler mutare radicalmente la propria vita e Chris Birch ne ha solo avuto l’opportunità…

mercoledì 9 novembre 2011

La prima volta - The first time

Conoscete Matt Fishel? Io poco ad essere onesto, avevo visto un suo video credo lo scorso anno, ma nulla di più. Ieri poi mi capita di vedere il video questa The first time su queerblog, non solo trovo la canzone molto orecchiabile, ma anche la scelta del video la trovo molto azzeccata, visto che come “prima volta” si sceglie di raccontare il primo bacio fra due ragazzi e lo si fa in maniera molto pulita e naturale…


Comunque visto che a me è piaciuta la propongo anche a voi, cosa ne pensate?


martedì 8 novembre 2011

Alleggerirsi...

Un’iscrizione in palestra: 140€ in denaro contante per tre mesi…

Aver perso una taglia in un mese ed andarsene in giro per negozi a comprare pantaloni nuovi: non ha prezzo :p


Ebbene si un’altra taglia è andata via… continuare la dieta e tanta costanza nell’andare in palestra hanno dato i loro frutti e in un mesetto di lavoro è andata via quest’altra taglia… inoltre da questa settimana ho anche modificato il mio regime alimentare al fine di ridurre la quota di carboidrati e dare allo stesso tempo un’accellerata al mio metabolismo; quindi se continuiamo di questo passo (cioè se io sopravvivo ancora un po’ alla mancanza dei cannelloni di mammà) entro la fine dell’anno dovrei essere rientrato nel mio perso forma :)


Quando a maggio di quest’anno sono salito sulla bilancia quasi mi veniva un infarto a leggere il mio peso accorgendomi che nel giro di un anno avevo messo su la bellezza di non uno o due, ma ben 15 chili… ovviamente mi sono subito messo a dieta e per agosto avevo perso i primi 7 chili… certo non ero tornato in forma, ma almeno avevo un aspetto accettabile per le foro fatte in vacanza :p

Il problema delle vacanze fatte all’estero però è che si tende sempre ad assaggiare la cucina locale e gli americani non sono certamente noti per la loro cucina dietetica, così insieme alle foto e ai souvenir mi sono portato indietro anche un paio di chiletti in più… A settembre nonostante la dieta i risultati sono stati piuttosto carenti, ma ad ottobre, grazie sopratutto alla palestra se ne sono andati via altri 4 chili lasciandomi con gli ultimi 6 da perdere per tornate finalmente a riavere l’aspetto a cui sono abituato…


Certo è che se ingrassare è la cosa più facile del mondo dimagrire invece è un inferno di sangue e lacrime…



lunedì 7 novembre 2011

(S)ex List… film, trailer e considerazioni sugli ex…

Un po’ per mancanza di tempo, in effetti fra università, studio, palestra e il resto mi sembra davvero che la giornata abbia ridotto il numero di ore, ma soprattutto perché non ho molto da dire sono ormai una ventina di giorni che non pubblico nulla sul blog… Infondo come ho da sempre sostenuto se uno non ha nulla di buono da dire è meglio che non dica nulla…

Ma del resto non si può mica restare sempre zitti anche perché altrimenti il cervello si atrofizza ed il mio è gia sulla buona strada :p


Comunque veniamo un po’ al succo di questo post. L’altro giorno ho visto (S)Ex List, in ordine l’ultima commediola romantica in stile americano uscita sui nostri schermi. All’inizio non è che fossi entusiasta di vederla, ma poi considerando che tra i protagonisti c’era Chris Evans (che finalmente toglie la tutina da super eroe)... ho pensato che dopo tutto valesse la pena di darci un’occhiatina :P



Alla fine devo ammettere che non mi è affatto dispiaciuto (ne Chris ovviamente, ne il film). La storia è quella di Ally che alla soglia dei 30 anni legge su una rivista una ricerca secondo cui le donne che hanno avuto più di 20 uomini sono destinate a restare zitelle a vita… facendosi bene i conti scopre che lei è arrivata effettivamente a 20, presa dallo sconforto e avendo deciso di non superare questa soglia fatidica, dopo aver rivisto un suo ex che negli anni è decisamente migliorato, le viene l’idea di riprovarci con loro sperando che fra di loro almeno uno sia quello giusto. Ad aiutarla a rintracciarli c’è il suo vicino Colin… ovviamente fra un malinteso e l’altro fra i due scoccherà la scintilla.



Una delle paranoie che porta la protagonista ad impelagarsi nella serie di peripezie che affronta nel film è la convinzione che se si supera un certo limite di partner si entra in una sorta di circolo vizioso per il quale diventa difficile riuscire a stabilire relazioni sufficientemente stabili e serie da condurre al matrimonio (o alla convivenza che si voglia). Insomma l’idea sarebbe che se ti diverti troppo in giro poi diventa difficile mettere la testa apposto e cominciare a ragionare non più nell’ottica del single impenitente, ma in quella di un individuo che è parte di una coppia.

Facendo un po’ di ricerche veloci sulla rete ho scoperto che la media dei partner sessuali è all’incirca di 13 per gli uomini e 7 per le donne…

Questi sarebbero anche di conseguenza i limiti oltre i quali non c’è più ritorno…


D’altra parte si è sempre detto che per trovare il principe azzurro bisogna pur baciare qualche rospo… cioè se non ci si da fare in giro non si troverà nemmeno la persona giusta: alla fine più rospi si baciano e maggiori saranno le probabilità di trovare il principe…


Insomma due teorie più che contrastanti, direi quasi opposte…


E voi come la pensate qual è la teoria giusta? O forse non lo è nessuna delle due?

martedì 11 ottobre 2011

L'indignazione

Il 15 di ottobre è organizzata a Roma la manifestazione degli indignados italiani contro il mal governo, le politiche di austerity e la manovra economica…

C’è da riflettere sul senso dell’indignazione; in tanti parlano male dell’indignazione considerandola quasi una forma di bigottismo, ma l’indignazione non è un male, anzi è il solo antidoto al lassismo e all’ignavinia che ci circonda e che pervade in ogni strato e ad ogni fascia la nostra società.

Solo che l’indignazione non va sprecata e non va buttata dietro ogni sciocchezza che vediamo in TV, l’indignazione è un fatto serio!


Personalmente sono indignato da tantissime cose: da come veniamo governati, amministrati e gestiti, da come vanno i processi in questo paese, da come anziché parlare delle cose effettivamente riguardano e interessano noi cittadini i mas media non fanno altro che ciarlare sulle solite cose; sono indignato dalla mancanza di prospettiva in cui siamo costretti a vivere, dalla (per quanto ci sia chi continui a negarlo) mancanza di ugualità di diritti che vige nel nostro paese, dalla mancanza cronica di servizi essenziali al cittadino come il servizio sanitario, i trasporti pubblici, la possibilità di usufruire dell’accesso alla cultura, ecc…


Dal New York Times del 2 febbraio 2011


Ma soprattutto sono indignato dal fatto che tutte queste cose (e tantissime altre a dire il vero) non indignano più nessuno, anzi sono considerate fatto normale… il dramma è che proprio finchè le si considererà un fatto normale nulla potrà cambiare!

lunedì 10 ottobre 2011

Indovinello fotografico…

Indovina indovinello, in questa foto dov’è il vostro Majin di bello?


Vi do un piccolo indizio, sono “in the city”, ma non mi riferisco alla City di Londra :)


venerdì 7 ottobre 2011

Chiacchiere da metropolitana: il porno figlio di Brook...

L’altro giorno me ne stavo bello tranquillo seduto in metro, sbadigliando e anche un po’ accaldato. In mente mia mi dannavo per aver dimenticato a casa il mio cellulare che mi fa anche da lettore mp3 e che in genere mi isola dal mondo in queste circostanze… senza avere null’altro da fare soffermo la mia attenzione sulle chiacchiere di un paio di ragazze sedute di fronte a me, l’argomento è uno dei più banali possibili: Beautiful…

Comunque dopo aver commentato i soliti tradimenti, matrimoni e separazioni che si susseguono nella serie arriva la notizia che ha catalizzato la mia attenzione: il figlio dell’attrice che interpreta Brooke nella serie (Katherine Kelly Lang) è stato attore in un film porno e non uno di quei soliti filmetti amatoriali che girano sulla rete, ma di un film porno vero e proprio e non solo porno, ma porno gay!!!

Ora vista l’esiguità di notizie che le due ragazze sciorinavano sull’argomento e preso dalla curiosità mi sono messo a fare qualche ricercuzza sulla rete…

Lui si chiama Jeremy Skott Snider, ha 21 anni e è nato dal primo matrimonio dell’attrice; dopo aver avuto qualche ruolo da bambino nella soop della madre ed aver tentato la carriera come modello si è dato prima alle foto senza veli ed ora al porno…


Photo credit: SeanCody.com


La cara Brook per ora non ha commentato (o almeno io non ne ho trovato tracce)… tuttavia mi viene da pensare che in mancanza di meglio gli sceneggiatori della serie potrebbero attingere alla vita privata dei protagonisti per i loro copioni… vi assicuro che la puntata del figlio porno della protagonista io non me la perderei :p

mercoledì 5 ottobre 2011

Wikipedia Italia chiude per protesta contro il comma 29 del DDL Intercettazioni

La chiusura è solo temporanea, ma in queste ore chi voglia accedere alla home page di wikipedia in lingua italiana si trova di fronte non a quello che cerca, ma ad una lettera indirizzata ai propri utenti in cui si spiega come wiki e tutti i siti italiani, blog inclusi, rischino la chiusura se il decreto Intercettazioni venisse approvato così com’è.


Le ragioni della protesta contro questa riforma sono piuttosto serie (cito testualmente dalla lettera in home page su wikipedia):


“Tale proposta di riforma legislativa, che il Parlamento italiano sta discutendo in questi giorni, prevede, tra le altre cose, anche l'obbligo per tutti i siti web di pubblicare, entro 48 ore dalla richiesta e senza alcun commento, una rettifica su qualsiasi contenuto che il richiedente giudichi lesivo della propria immagine.

Purtroppo, la valutazione della "lesività" di detti contenuti non viene rimessa a un Giudice terzo e imparziale, ma unicamente all'opinione del soggetto che si presume danneggiato.

Quindi, in base al comma 29, chiunque si sentirà offeso da un contenuto presente su un blog, su una testata giornalistica on-line e, molto probabilmente, anche qui su Wikipedia, potrà arrogarsi il diritto — indipendentemente dalla veridicità delle informazioni ritenute offensive — di chiederne non solo la rimozione, ma anche la sostituzione con una sua "rettifica", volta a contraddire e smentire detti contenuti, anche a dispetto delle fonti presenti”.


Ora basta, la libertà di informazione e di opinione non è un qualcosa che si possa accendere o spegnere con un interruttore!



Speriamo solo che la Corte Costituzionale si ricordi di questo articolo altrimenti mi spiace dirlo, ma siamo arrivati davvero alla frutta…

martedì 4 ottobre 2011

Primo giorno di palestra

Considerando che ieri è stato il mio primissimo giorno di palestra in assoluto, non posso assolutamente lamentarmi di come è andata, l'ambiente era piacevole e l’istruttore era piuttosto disponibile e per ogni esercizio è tornato più volte a vedere come proseguiva e a correggermi se stavo facendo qualche errore.

Per ora gli esercizi sono più tesi a farmi perdere peso che non a fortificarmi, infatti la prima ora è andata via fra tapirulan, cyclette e step, insieme a circa 300 delle mie calorie :) mentre la seconda è stata concentrata su pettorali. bicipiti e spalle.


Però se ieri è andata piuttosto bene e all’uscita dalla palestra non mi sentivo affatto stanco, non posso dirlo anche per oggi… l’acido lattico si è accumulato in muscoli di cui avevo solo sentito parlare nei corsi di anatomia, ma che non credevo nemmeno di possedere :(


Per adesso non mi è stata data alcuna scheda, il primo mese verrà speso per rimettermi in sesto o almeno in condizioni di decenza (ho 8 kili di ciccia da perdere e spero in un mese, fra palestra e dieta, di mandarli a quel paese... ), il prossimo mese invece dopo essere stato pesato, misurato e aver stabilito i miei obiettivi mi daranno una scheda con gli esercizi da eseguite, i tempi, eccetera, nel frattempo farò ancora riferimento all’istruttore che deciderà volta per volta gli esercizi che dovrò fare…

domenica 2 ottobre 2011

Consigli musicali cercasi...

Visto che domani inizio la palestra, mi trovo alle prese con la scelta delle canzoni da mettere nel mio mp3 per darmi un po’ di carica. Per adesso ho fatto un po’ di playlist di generi diversi (rock, pop, dence, sigle anime, ecc.) saccheggiando un po’ dalla mia memoria storica e un po’ dalle classifiche più recenti.


Un consiglio musicale però lo chiedo anche a voi… quali sono le canzoni che vi mettono la carica? Quali vi fanno partire alla grande? Insomma voi cosa ascoltereste (o ascoltate) in palestra?



venerdì 30 settembre 2011

HIV: il vaccino è vicino...

In giro non se ne parla molto, ma nel mondo si stanno portando avanti diversi studi per arrivare alla produzione di un vaccino contro l’HIV. In particolare una notizia importante, ma della quale ho sentito parlare poco in giro, riguarda un vaccino gia sperimentato in Spagna su un campione di 24 persone sane nelle quali ha dato un risultato positivo addirittura nel 92% dei casi consentendo loro di sviluppare un’immunità contro la malattia. A breve è prevista la sperimentazione su soggetti malati.

Lo scopo di questo vaccino non è ovviamente quello di debellare la malattia, ma di renderla un’infezione cronica secondaria alla stregua di un banale herpes, che, pur rimanendo nell’organismo in maniera latente non dia atto a sintomatologie particolarmente rilevanti.


Questo è il genere di notizie che a me piacerebbe ascoltare nei TG e non la solita sfilza di politici accusati di questo o di quell’altro crimine e delle loro difese che fanno acqua da tutte le parti…


Un mio personalissimo in bocca al lupo a Mariano Esteban che è a capo della equipe che sta portando avanti questo promettentissimo studio.


PS in attesa di un vaccino o di una cura che funzionino sicuramente però non dimenticate di usare sempre il preservativo...

mercoledì 28 settembre 2011

Sex outdoor by Napoli

OK io mi allontano per non più di venti giorni e a Napoli scoppia una nuova moda, fare sesso in luoghi pubblici, preferibilmente all’alba…

E si avete letto proprio bene, i primi casi di cui si è parlato in giro risalgono a dire il vero allo scorso anno, ma adesso è scoppiata una vera e propria moda, cosicché fra le piazze della città alle prime luci del giorno non è difficile trovare ragazzi e ragazze che se la godono allegramente su una panchina o appoggiate al primo muretto che trovano…

L’allarme, se poi di allarme si può parlare, arriva dal commissario regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli che denuncia l’aumento esponenziale dei casi segnalati…

Fatti del genere non sono nuovi da nessuna parte, ma il numero di casi segnalati a Napoli fa candidare senza troppe rivali la città al titolo di capitale italiana del sex outdoor.


Non sempre poi i rapporti avvengono fra persone che si conoscono realmente, infatti spesso chi sceglie di adottare queste pratiche si conosce tramite social network; sul solo Facebook ormai non si contano più le pagine dedicate al sesso in generale e al sex outdoor in particolare.


Che dire… se scegliete di divertirvi così state attenti a non farvi beccare, ma soprattutto non dimenticate mai di usare il preservativo se avete rapporti con chi non conoscete (ma anche con chi conoscete che non si sa mai…).

lunedì 26 settembre 2011

... e fra un pò s'inizia la palestra...

Se qualcuno mi ha dato per disperso non abbia paura… sono qui sano e salvo, ma se io sto alla grande non posso dire la stessa cosa per il mio povero portatile che è attualmente in viaggio verso Milano per andare in assistenza… questo spiega anche perché sono lontano dal blog. Attualmente sto usando il mio vecchio PC che però mostra ancora tutti gli stessi problemi che mi hanno spinto a comprarne uno nuovo e tutto fa tranne che invitarmi ad accenderlo :(


Ma veniamo al cuore del post… come vi avevo annunciato prima delle vacanze quest’anno ho intenzione di iscrivermi in palestra visto che ormai la sola dieta non è più sufficiente a tenermi in forma e visto soprattutto che le manigliette dell’amore si sono pian pianino trasformate in veri e propri maniglioni antipanico…

Oltre ad essere andato in giro a fare shopping nei vari negozi dedicati (mi serviva un borsone, pantaloncini, magliette, ecc…) sto facendo anche un giro fra le varie palestre in zona… solo che non so decidermi… il fatto è che non avendo mai messo piede in palestra prima, non ho la più vaga idea di cosa valutare per sceglierla.

Scartate quelle con la segretaria antipatica, quelle in cui l’igiene lasciava a desiderare, quelle con parcheggio difficile e quelle poco attrezzate, la rosa delle papabili si è ristretta a 2 o 3 con in polposition ovviamente quella con i ragazzi più carini :p


Scherzi a parte qualcuno ha consigli da darmi? In base a cosa avete scelto la vostra palestra?

domenica 11 settembre 2011

11 Settembre... 10 anni

In questi giorni passati a New York, superata la paura dell’uragano Irene in un modo o nell’altro tra TV, giornali ed eventi programmati in giro, l’alone dell’11 settembre si sentiva forte…

Oggi sono esattamente i 10 anni dell’anniversario della strage e come per tutti gli eventi che in un modo o nell’altro hanno segato la storia tutti si ricordano costa stavano facendo in quel momento quando le torri caddero e tutto fu avvolto da una pesante nuvola grigia.

Da quando sono tornato in Italia sono stato lontano dai mezzi di comunicazione, quindi mi manca la percezione di come viene vista questa ricorrenza qui, ma mi sono fatto un’idea ben chiara di come invece viene vista negli USA, di quanto quella data sia stata significativa per tutto quel popolo e di quanto profonda e dolorosa sia stata la cicatrice che ha lasciato in una intera nazione.


Oggi sui fatti e sulle conseguenza di quel lontano giorno si sa quasi tutto, quindi non mi sembra il caso di aggiungere altro…


Un ricordo speciale però lo voglio dedicare ai pompieri e a tutti coloro che quel giorno hanno sacrificato le loro vite nel tentativo di salvarne il maggior numero possibile…


Dopo 10 anni la città di New York che è in continua mutazione sta assorbendo la cicatrice lasciata e sta nascendo un nuovo edificio a Ground Zero, la Freedom Tower (La Torre della Libertà) la cui altezza sarà di 541 metri (cioè 1776 piedi che è l’anno dell’indipendenza degli USA)… tutto cambia a New York ed il paesaggio è in continua mutazione, ma anche quando non ci saranno più segni tangibili di ciò è accaduto il ricordo resterà comunque indelebile nella memoria di tutti.

sabato 10 settembre 2011

Saluti dal profondo Nord...

Ciao a tutti, ebbene si sono ancora in vacanza, non più a New York (per la quale è rimasto però un angolino nel mio cuore), ma ancora non sono tornato a Napoli… Mi sono fermato in quelli di Varese dal mio amico F con cui sono stato nella Grande Mela, me la sto spassando ancora, per quanto piccola Varese è una città molto carina ed in più ne sto approfittando per vedere i dintorni (Lago Maggiore, Milano, Svizzera, ecc.) la mattina ed uscire con gli amici di F (che ormai sono un po’ anche amici miei) la sera.

Per stasera è prevista tappa in Svizzera a Lugano, peccato solo che il franco sia così forte… mi sa che dovrò vendermi un rene per finire questa vacanza :p

sabato 3 settembre 2011

Saluti da New York...




Archiviato in pochi giorni il problema Irene (anche se ho dovuto cambiare camera perché l’altra si è allagata) ho potuto cominciare a godermi New York City. La città è anche meglio di come me la immaginavo, con i suoi colori, le sue luci e i suoi sapori; si trova di tutto e a ogni ora, peccato solo che avendo l’albergo nel New Jersey mi tocca rientrare entro la mezza notte come cenerentola altrimenti si ritirano bus e treni e rimango fregato.

Terminato il tour classico con la Statua della Libertà, l’Empire, il Rockefeller Center, Time Square, Broadway eccetera, ed aver mangiato un po’ in giro (compreso il The View del Marriott Hotel che consiglio per la cucina – ho mangiato un’anatra ottima – e per la vista a 360° su Manhattan, ma non per i prezzi, se ne sono andati quasi 150 dollari a testa) oggi mi sono dedicato ai village, con il loro sapore ancora retrò e con un tocco di stravaganza decisamente surreale…

Mi aspettano ancora nei prossimi giorni Harem, il Central Park, Broklin e un altro paio di cosette se ci riesco ad aggiungerle al programma. Peccato solo per lo stop forzato di due giorni è mezzo dei mezzi pubblici che mi ha accorciato decisamente i tempi per andarmene in giro.


Nota: oggi sono passato per Gay Strett e ho fatto una visita lampo allo Stonewall Inn e al Christopher park (una grossa aiuola a dire il vero) dove c’è il monumento dedicato agli omosessuali, opera dello scultore pop George Segal… una cosa è cera in questa città il pregiudizio verso gay e lesbiche non lo si avverte proprio (anche se io lo dico semplicemente da turista e non da residente) e non è difficile incontrare coppie di ragazzi o ragazze che si tengono per mano o si baciano tranquillamente senza che ciò stupisca o infastidisca nessuno… anzi l’unico ad esserne stupito ero solo io, abituato come sono al clima italiano...


PS I dettagli poi del viaggio li lascio per settembre, quando avrò scaricato alche le foto… a presto :)

sabato 27 agosto 2011

L'uragano Irene...


Non so perché ma agli uragani danno quasi sempre nomi femminili… fatto sta che la signorina si sta spostando da queste parti e fra stasera e domani c’è allarme uragano e non mi posso muovere dall’albergo visto che metro, bus e taxi sono fuori servizio fino a fine emergenza. Per fortuna in poco più di 24h si dovrebbe tornare alla norma.

Per ora la grande mela l’ho vista solo dall’aereo e ho dovuto accontentarmi di fare un giro nei sobborghi del New Jersey, almeno ho avuto un assaggino della vera vita americana e ho visto i tipici quartieri residenziali con le villette a schiera e gli scoiattoli che girano indisturbati nei giardini di casa.


PS se riesco cerco e l’uragano non mi porta ceco di aggiornare il prima possibile :p

giovedì 25 agosto 2011

Signori si parte per New York...





Dopo averne tanto parlato ed averlo progettato per quanto possibile nei dettagli è finalmente arrivato il giorno della partenza per New York.

Per essere precisi oggi parto per Milano, mi fermo per la notte a casa del mio amico F e domani con lui mi aspetta il volo per l’America con scalo a Londra.

Il programma di viaggio è abbastanza fitto 11 giorni in cui vedremo Lower Manhattan, i Village, Midtown, Central Park, l’Upper East Side, l’Upper West Side, Harem, il Bronx, Brooklyn, il Quins e Staten Island.

Al ritorno, che è previsto per il 6 settembre, mi fermo un po’ in quelli di Varese dal mio amico F e prima della metà del mese mi aspetta invece il volo di ritorno a Napoli :)




Se mi sarà possibile cercherò di aggiornare il blog durante il viaggio, altrimenti non temete, al mio ritorno avrete un resoconto molto dettagliato di quello che ho visto… per ora auguro una buona giornata a tutti voi, un abbracciane e a presto :)


domenica 21 agosto 2011

Cosa non si può dimenticare in valigia?


Ormai ci siamo quasi giovedì prossimo finalmente parto anch’io per le vacanze e quindi pian pianino mi tocca anche cominciare a preparare le valigie… il brutto in questi casi è che prima di partire ti sembra di aver preso tutto, ma poi appena si chiudono i portelloni dell’aereo una sorta di lampadina ti si accende in testa ed immediatamente ti viene in mente tutto quello che hai dimenticato… fortuna che non vado in posto sperduto, ma a New York e che tutto quello che posso aver dimenticato posso sempre comprarlo lì…


Ma veniamo al punto di questo post. Chiudendo la valigia per un ipotetico viaggio cosa non potete assolutamente lasciare a casa?

Io per esempio non parto mai senza la mia fedele macchina fotografica, un programmino dei posti da vedere e delle cose da fare (che poi puntualmente salta) e un diario per scrivere le annotazioni e raccogliere i miei pensieri durante il viaggio che quest’anno sostituisco con il mio fedele portatile dal quale non riesco proprio a separarmi :p

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...