venerdì 30 settembre 2011

HIV: il vaccino è vicino...

In giro non se ne parla molto, ma nel mondo si stanno portando avanti diversi studi per arrivare alla produzione di un vaccino contro l’HIV. In particolare una notizia importante, ma della quale ho sentito parlare poco in giro, riguarda un vaccino gia sperimentato in Spagna su un campione di 24 persone sane nelle quali ha dato un risultato positivo addirittura nel 92% dei casi consentendo loro di sviluppare un’immunità contro la malattia. A breve è prevista la sperimentazione su soggetti malati.

Lo scopo di questo vaccino non è ovviamente quello di debellare la malattia, ma di renderla un’infezione cronica secondaria alla stregua di un banale herpes, che, pur rimanendo nell’organismo in maniera latente non dia atto a sintomatologie particolarmente rilevanti.


Questo è il genere di notizie che a me piacerebbe ascoltare nei TG e non la solita sfilza di politici accusati di questo o di quell’altro crimine e delle loro difese che fanno acqua da tutte le parti…


Un mio personalissimo in bocca al lupo a Mariano Esteban che è a capo della equipe che sta portando avanti questo promettentissimo studio.


PS in attesa di un vaccino o di una cura che funzionino sicuramente però non dimenticate di usare sempre il preservativo...

20 commenti:

  1. E sì Majin anche a me piacerebbe sentire più notizie di questo tipo nei tg, ma per fortuna c'è il web e finché nessuno ci metterà bocca, sarà libero di dare notizie che diversamente si sentirebbero in giro.
    Spero davvero che questa ricerca porti a trovare una soluzione contro questo terribile male che ha già causato tante morti.
    Che bello iniziare la giornata con una notizia positiva ogni tanto
    Grazie

    RispondiElimina
  2. E si FRANCESCO, per fortuna che c'è il web... i media tradizionali sono assolutamente orientati e standardizzati nel fornire le notizie, ormai la pluralità dell'informazione è relegata in maniera quasi esclusiva al web e ai blog, questo ovviaente ameno fino a quando non li (ci) inbavagleranno...

    RispondiElimina
  3. Che bello! Per fortuna in mezzo a tutto questo pandemonio c'è qualche notizia buona.
    Avevo letto qualcosa di simile tempo fa: si fanno sempre più passi avanti :D

    RispondiElimina
  4. nella parola "qualcosa di simile" avevo messo un link ma si vede che oggi Blogger mi odia e quindi, se non ti metti con la freccina sulla parola, non si vede una cavolo -.-"

    RispondiElimina
  5. Bellissimo post caro MAJIN! :) ...speriamo bene ed incrociamo le dita allora! Sono speranzoso! :)

    baci e buon weekend! :)

    RispondiElimina
  6. è vero bisogna usare il preservativo, lo dice sempre anche ratzinger (sono ironico)

    RispondiElimina
  7. E si FEBO ogni tanto per fortuna fra tanti casini che succedono ogni giorno accadono anche cose positive... e questo ne è un esmpio, se poi i mezzi d'informazione dessero più spazio a queste notizie sarebbe anche meglio.

    PS ho letto quel tuo post, grazie per la segnalazione era molto interessante :)

    RispondiElimina
  8. E si GUY speriamo bene davvero e speriamo che facciano in fretta... solo il cielo sa quanto c'è ne è bisogno...

    Un buon fine settimana a te e al tuo boy :)

    RispondiElimina
  9. Beh AMOON magari un giorno prenderà una bella botta in testa e, cominciano finalmente a ragionare, lo dirà anche lui...

    RispondiElimina
  10. Speriamo. Purtroppo sono sempre più convinto che i ritardi nella ricerca siano dovuti alle multinazionali produttrici dei farmaci antiretrovirali che con l'Hiv hanno fatto miliardi.In ogni caso sempre il preservativo e anche controlli periodici per le altre tantissime e sempre più diffuse malattie a trasmissione sessuale. Ovviamente per chi tromba di brutto con tanti sconosciuti diversi.

    RispondiElimina
  11. Un sogno che si realizza, mi emoziona!!! :)

    RispondiElimina
  12. sì, notizie così sarebbe molto bello sentirle...

    RispondiElimina
  13. "Questo è il genere di notizie che a me piacerebbe ascoltare nei TG"...

    Anche a me! Speriamo...

    RispondiElimina
  14. Sai com'è TAKUS i soldi fanno girare io mondo e cero le multinazionali farmaceutiche non sono estranee a questo ingranaggio... per fortuna però esistono tanti enti indipendenti e strutture di riceca che portano avanti i propri studi, proprio come questa spagnola di cui parlo nel post... spero che bene...

    RispondiElimina
  15. Si STILL lo speriamo davvero tutti... sopratutto speriamo che sia presto...

    RispondiElimina
  16. E si MIKY, per quelli della nostra generazione che sono cresciuti con quest'incubo è davvero un sogno...

    RispondiElimina
  17. E si GUCHI, specie se consideriamo querlle che ascoltiamo al loro posto...

    RispondiElimina
  18. Ciao (IN) sono contento di vedere che sei tornato a scrivere, la tua assenza si sente :)

    RispondiElimina
  19. Speriamo bene....caspita 92%....incrociamo le dita, ridarebbe la vita a tante persone.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...