venerdì 18 dicembre 2009

Social network, ipotesi di censura da parte del Presidente del Senato

All’inizio ho cominciato a scrivere su un'altra piattaforma blog dalla quale però mi sono allontanato per colpa della sua politica di censura coercitiva… questo perché sono assolutamente convinto che la libertà d’espressione e d’opinione sulla rete sia un bene primario che non vada in alcun modo limitato o ridotto per alcuna causa. Ecco perché quando ho appreso che il presidente del senato Schifani, durante i saluti natalizzi alla stampa, è intervenuto su questo tema parlando dell’opportunità di limitare queste prerogative riferendosi ai social network ho ritenuto giusto dire anche la mia.

Se è vero, come ha affermato il presidente, che su questi siti “si leggono dei veri e propri inni all’istigazione alla violenza” è altrettanto vero che essi non vanno combattuti con la censura, perché non sono gli strumenti d’espressione ad essere malati, ma bensì l’uso errato che taluni ne possono fare.

Mezzi come Facebook, Twitter o gli altri social network servono per comunicare, esprimersi e confrontarsi e per questo non possono essere censurati o limitati. Paragonarli agli anni ’70, come ha fatto il presidente del Sento, è assolutamente fuori luogo. Il fatto che qualcuno usi questi strumenti per diffondere odio ed istigare violenza non vuole assolutamente dire che siano tali strumenti in sé ad essere sbagliati e che come conseguenza vadano censurati, perché sarebbe come dire che vanno censurati i telefoni, le lettere, gli sms o quan’altro perché qualcuno potrebbe usarli per diffondere idee d’odio…

Insomma, sono degli strumenti utili proprio perché liberi e se limitati in tale loro prerogativa finirebbero per essere snaturati e perdere completamente di significato.

4 commenti:

  1. Facebook e' un sistema che puo' essere controllato... come tanti altri siti! .. a differenza del telefono... degli sms... I siti di "socializzazione" sono dei sistemi che appartengono ad una soceta' che gestisce il portale! Noi utenti siamo OSPITI!... fermissimamente restando la liberta' d'espressione DI IDEE ... invece non condivido l'incitamento all'odio e l'ingiuria! ... Non sei daccordo con Berlusca? Bene! Non sei d'accordo con Bersani? Bene! ...Spieghiamo le nostre ragioni pacificamente, civilmente ed educatamente! Non ingiuriando, offendendo e incitando!!! ... Speriamo bene cmq! ... Baci buonaserata :)

    RispondiElimina
  2. Perfettamente d’accordo, l’incitamenti ad odio e violenza non sono condivisibili a prescindere dalla persona a cui essi sono diretti, infatti nonostante io non sia d’accordo col la maggioranza delle cose che sono state fatte e che sono in programma in questo governo ho sempre evitato accuratamente di portare i toni della discussione sul turpiloquio che ho sempre trovato sterile e inutile.
    Quello che mi preoccupa è che se si pone l’attenzione non su chi fa determinate affermazioni, ma sullo strumento usato (il social network) si finirà inevitabilmente per demonizzarlo e ritenerlo la causa di tutto e non semplicemente uno strumento di comunicazione quale esso è...

    RispondiElimina
  3. Se il Social Network stesso non si autoregolamenta... allora e' colpa sua! ... dovrebbe prendere esempio da LIBERO.it ... che è fin troppo CENSURATORE....

    RispondiElimina
  4. Ecco diciamo che una giusta via di mezzo sarebbe l'ideale...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...