giovedì 7 aprile 2011

Spunti di vista: il Corpo di Napoli

Continua la rubrica con le foto che scatto in giro per la mia città, stavolta è il turno della statua chiamata il Corpo di Napoli che si trova al centro dell’omonima piazzetta (nel bel mezzo di Spaccanapoli), subito adiacente a piazzetta Nilo.


In realtà la statua rappresenta il dio Nilo ed è stata collocata in questa stessa posizione ben 2000 anni fa da una popolazione trasferitasi da Alessandria d’Egitto. Nel corso dei secoli sotto il suo sguardo attento tutta la città è mutata ed è cresciuta diventando quello che è tutt’ora.

La memoria stessa del dio Nilo si è persa e la statua è divenuta rappresentazione della città che da sempre ormai la ospita prendendo il nome per l’appunto di Corpo di Napoli…




10 commenti:

  1. Dio Nilo aveva un bel fisico: guarda quelle spalle, quei bicipiti, quei pettorali! Da dio, appunto! ;)

    RispondiElimina
  2. ci sono passato tante volte ma non l'ho mai notato sto fustone..eheheh baci

    RispondiElimina
  3. Complimenti...scatti proprio delle belle foto! Sono stato a Napoli anni e anni fa...ma conoscerla un pò meglio mi fa solo piacere!
    Grazie!

    RispondiElimina
  4. Bellissima questa statua... ma mi spieghi una volta per tutte cosa è SPACCANAPOLI?? :p ... sono ignorante lo so! :D :D

    Bentornato cmq! :) Sono contento! kiss

    RispondiElimina
  5. ma dai, questa me la ricordo, l'ho vista!! ciao Majin!

    RispondiElimina
  6. Beh (IN)CONSAPEVOLE alla fine un dio è sempre un dio :)

    RispondiElimina
  7. A no AMOON? In effetti Spaccanapoli è lunga e ci sono un sacco di cose da vedere... ci si distrae facilmente anche dai fusoni :p

    RispondiElimina
  8. Graie RANO, sono contento che le mie foto ti piacciano... io sono sempre ipercritico nei confronti degli scatti che faccio, quindi i complimenti mi fanno felice :)

    RispondiElimina
  9. Beh GUY in pratica Spaccanapoli è una delle più antiche strade di Napoli costruita all’epoca greca, più correttamente si chiama Decumano inferiore e divide Napoli nettamente in due, guardandola dall’alto di Castel Sant’Elmo lo spacco è davvero netto, da qui viene il nome Spaccanapoli. La zona poi è molto caratteristica con i presepi di San Gregorio Armeno, Santa Chiara con il suo monastero, la chiesa del Gesù Nuovo, l’area universitaria e tutti i vari “vicarielli”.

    Per capire il senso del nome ti lascio il link a questa foto: http://www.trekearth.com/gallery/Europe/Italy/Campania/Naples/Napoli/photo1244182.htm

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...