giovedì 10 novembre 2011

Cambiamenti improvvisi...

Ieri spulciando per la rete leggo una notizia che sta facendo il giro dei blog e che mi ha dato molto da riflettere. È la storia di Chris Birchun impiegato di banca appassionato di rugby e prossimo alle nozze con la sua fidanzata. Durante un allenamento Chris ha un malore, un ictus, dal quale fortunatamente riesce ad uscirne senza gravi conseguenze fisiche; il problema però è che questo malore ha avuto conseguenze molto pesanti sulla sua personalità che è decisamente cambiata: ha lasciato il lavoro che non gli dava più soddisfazione, come pure il rugby per mettersi a fare il parrucchiere, un lavoro che afferma dargli molta più gratificazione, e, dulcis in fundo ha lasciato la ragazza perché si è scoperto gay, pur non avendo mai avuto in passato tendenze omosessuali.


Joe Korner della Stroke Association ha spiegato che “Gli ictus sono esperienze traumatizzanti che cambiano la vita. Durante il recupero il cervello fa nuove connessioni che possono innescare cambiamenti di cui i pazienti non sono consapevoli come l'accento, la lingua e talora l'orientamento sessuale”.


Ok se un regbista donnaiolo impiegato in banca può trasformarsi in un parrucchiere gay allora ogni possibile scenario è aperto… Cioè provate a pensarci… un poveretto ha un malore e al suo risveglio è una persona completamente diversa, magari le cose che ha sempre ritenuto importanti e per cui ha lottato una vita intera non contano più nulla…

Così tutto è da ricominciare e tutto da ricostruire da zero… una possibile evenienza decisamente disarmante, ma tutto sommato forse non completamente negativa, in fondo sono in tanti a pensare di voler mutare radicalmente la propria vita e Chris Birch ne ha solo avuto l’opportunità…

16 commenti:

  1. Mah... secondo me è davvero un cambiamento un po' troppo radicale. E poi mi sembra strano (come aveva notato già qualcun'altro) che all'improvviso questo tizio abbia incarnato tutti gli stereotipi gay... mi lascia perplesso.
    Io ho fatto una mezza ipotesi: può essere che questo ragazzo già prima dell'incidente avesse delle tendenze omosessuali represse. Poi, rendendosi conto di aver scampato la morte per un soffio, si è reso conto che è meglio vivere la vita che si vuole piuttosto che la vita che impongono gli altri. Oppure può essere che questo scelta di vivere la propria omosessualità sia avvenuta a livello inconscio.
    Però al cambiamento di identità sessuale e di vita così repentino ci credo poco :/

    RispondiElimina
  2. Febo, qui sopra mi ruba le parole. Sono perfettamente d'accordo con lui.

    RispondiElimina
  3. Beh FEBO anch'io penso che di fondo una certa predisposizione o comunque un'insoddisfazione latente verso la sua vita precedente già ci fosse, però certo è che un cambiamento così repentino e radicale fa comunque riflettere. Cercando un pò di info ho scoperto che dal punto di vista medico pare sia possibile, a seguito di ictus ci sono addirittura persone che cominciano a parlare in lingue che prima non conoscevano o che acquistano capacità che prima non avevano prima come dipingere, suonare, ecc...

    RispondiElimina
  4. Cattivo Febo... non rubare le parole di BIMBOVERDE :p

    RispondiElimina
  5. Se ora è felice meglio così :)

    RispondiElimina
  6. ecco una fantastica idea: possiamo tutti fare finta di aver avuto un ictus per poi fare tutte le cose che avremmo voluto, ma mai osato prima.

    RispondiElimina
  7. Su questa "notizia" ho postato nel mio "cassetto" il commento di un giornalista sportivo che mi pare molto interessante e da parte mia condivisibile.
    Ve la linko se vi interessa
    http://thegaydrawer.tumblr.com/post/12595295164/saranno-gli-articoli-apparsi-in-questi-giorni-sui

    RispondiElimina
  8. Be si STILL, la mia sola curiosità era quella di capire se era felice anche prima o la sua vita precedente non lo soddisfaceva... così il cambiamento più o meno si spiegherebbe ...

    RispondiElimina
  9. GUCHI sai che è un'idea che era venuta anche a me... :p

    RispondiElimina
  10. Sai (IN) io poi non l'avevo nemmeno considerata tanto questa notizia dal punto di vista sportivo, mi incuriosi più che altro il cambiamento di pesonalità (neanche tanto quello sessuale) e i cambiamento, o meglio stravolgimenti, che questo ha portato nella sua vita... sai il fatto è che a volte piacerebbe anche a me cancellare tutto con un colpo di spugna e ripartire da zero... mi sa che forse seguo l'ifea di Guchi, fingo un ictus e me ne vado a ricominciare tutto da qualche altra parte (magari all'estero vista l'aria che tira qui)...

    RispondiElimina
  11. Secondo me alla prima buona scusa, l'ha afferrata al volo e in un sol colpo ha eliminato tutti i suoi problemi per dedicarsi a vivere come meglio credeva.

    RispondiElimina
  12. Beh PRINCIPE se fosse così vai a chiamarlo faesso, anzi...

    RispondiElimina
  13. A me in quell'articolo nel mio blog colpisce non tanto l'aspetto sportivo (neanche accennato, il giornalista parla di "pretesto") ma quelle 4-5 noticine che ridanno dignità ai gay, che dette da un etero guadagnano punti in più.

    Sul cancellare certe fatiche... bene, datemi un colpo e divento etero, please! :D

    RispondiElimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  15. Il karma è potentissimo! Ho letto l'articolo anche io, a quanto dicevano questo era un po' il prototipo della testa di cazzo.
    Sinceramente credo sia più probabilme che fosse gau fin da prima e ha colto l'occasione per avere la scusa di stravolgersi la vita e fare quello che voleva.

    RispondiElimina
  16. tutto è possibile e magari è proprio così, fatto sta che anche avere la forza di riorganizzare di botto tutta la propria vita non è cosa da poco...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...