giovedì 7 ottobre 2010

Cosa non si fa per soldi… Come vendersi l’anima per un pugno di dollari…

Non mi sarei mai immaginato di farlo, ma dopo aver valutato l’esiguità del mio conto in banca ed essere giunto alla conclusione di avere ormai le proverbiali pezze al culo, mi sono deciso anch’io a cedere ed aggiungere la pubblicità al mio blog…

Chiariamoci non è che ci veda nulla di male, ne tanto meno la considero uno strumento del demonio, solo che nella mia concezione di blog c’è sempre stata la piena convinzione che un blog, quale strumento di controinformazione, dovesse essere libero e non regolato da altro che dalle idee, dalla fantasia e dalle convinzioni dell’autore.

Almeno fino ad oggi non mi sono mai preoccupato di chi leggeva o meno il mio blog, tutto ciò che ho scritto non l’ho mai fatto per avere dei lettori in più o per essere “popolare”, ma solo perché era quello che mi andava di scrivere…

L’essere letto e commentato era solo uno stimolo in più derivante dall’opportunità di un confronto aperto con persone differenti da me e che ovviamente vedevano le cose da un punto di vista differente dal mio…

La pubblicità al contrario è regolata dalle leggi del marketing e dei numeri: non importa quello che scrivi, ma solo in quanti ti leggono!

Questo era l’unico motivo per cui nonostante più volte sia stato tentato di aggiungere la pubblicità alla fine ho sempre evitato…


Speriamo solo di non aver fatto la fine di Jack ed aver venduto la mucca per un pugno di fagioli…

30 commenti:

  1. gli ideali sono una bella cosa, ma l'uomo non vive solo di aria e fantasia.

    RispondiElimina
  2. E gia CAROLINA, peccato che gli ideali non li accettino come pagamento in banca, perchè altrimenti mi potrei permettere molta più rilassatezza :p

    RispondiElimina
  3. Io non ci vedo nulla di male (forse perché a suo tempo ho messo anche io gli annunci di google) e poi voglio dire, è una cosa che puoi togliere quando vuoi e non distoglie l'attenzione dai contenuti del blog.
    Quindi approvo e anzi... sono proprio curioso di sapere cos'è questo Microfinance Empowers e cliccherò per scoprirlo...

    RispondiElimina
  4. non so come funziona e non m'interessa. credo fermamente che in certe cose bisogna essere fedeli, altrimenti, per esperienza, un pochino diventa tanto e si finisce col non avere i propri riferimenti. detto ciò mi piego (non contento) alla praticità quotidiana ma qualche banner non toglierà veridicità e piacere a quello che scrivi.

    RispondiElimina
  5. Ti venderesti l'anima se fossi disonesto o falso. Cosa che non sussiste. Qualche soldo in più fà sempre comodo.

    RispondiElimina
  6. Non vorrei gufare ma anche io ho la pubblicità da molto e alla fine guadagni una cosa irrisoria tipo 1 euro al mese se ti va bene... comunque provaci magari a te va meglio. Teo

    RispondiElimina
  7. Niente di male. Ma non credo proprio si riesca a guadagnare... Un euro al mese? E' già tanto. Ma come funziona? Come ti pagano? Come ti fanno pervenire i soldini... Ho letto più volte le "istruzioni" ma... questo processo non mi è mai stato chiaro.

    RispondiElimina
  8. Beh LORD in effetti come dicevo nel post non è che io ci veda in male assoluto e solo che di fondo un blog e un sito con pubblicità non hanno molto in comune, in effetti se ci si vuole guadagare un blog come il mio non è proprio l'ideale, ma io non ho nemmeno intenzione di stravolgerlo... che dire chi vivrà vedrà...

    RispondiElimina
  9. Guarda MAURO io il mio blog certo non lo stravolgo, non scrivo per esse letto da una marea di persone, scrivo in primis per me stesso e se dovessi cominciare a farlo per gli altri forse non avrebbe più nemmeno tanto senso farlo... come dici te mi adatto al senso pratico, vediamo cosa ne viene fuori...

    RispondiElimina
  10. BIMBOVERDE l'onestà, almeno quella intellettuale, non ho intenzione di perderla... questo mio blog è un'espressione di me e tale rimarrà, almeno spero... sempre che i soldi non mi diano alla testa :p

    RispondiElimina
  11. Ecco TEO non è che ho fatto la fine di Jeck allora, ma mi è andata pure peggio allora, almeno a lui hanno dato una manciata di fagioli magici :p

    RispondiElimina
  12. (IN)CONSAPEVOLE, vorrei darti delle info in più, ma nemmeno a me è ben chiaro come funzioni la cosa; l'unica cosa che posso dirti è che dovrebbero pagare in assegni che ti pspediscono a casa non appena la cifra è sufficientemente consistente... per il resto le info che ho sono le stesse che trovi su google...

    RispondiElimina
  13. Ci avevo pensato anche io. il casino è che guadagni in base ai click...e boh, a mio parere una pubblicità va vista e basta.

    RispondiElimina
  14. Guarda RANO che ti do ragione... sarebbe molto più semplice, ma che dire la loro scelta è questa e o ti sta bene o ti arrangi...

    RispondiElimina
  15. Beh se ne puoi ricavare qualcosina che te mporta... alla fine chi ti legge ti legge per ciò che scrivi mica per altro! ;)

    RispondiElimina
  16. ma scusa voi potete scegliere di metterla o non metterla? confesso che io sul blog ho potuto dopo essere diventato gold, ma l'ho fatto materialmente dopo un anno. Sul mio profilo invece compare contro la mia volontà. Comunque spero che tu abbia più entrate delle mie, praticamente inesistenti...ahahha ciao!

    RispondiElimina
  17. E che sarà mai!!!! L'importante è che continui a scrivere i tuoi bei post!

    RispondiElimina
  18. Beh MSL alla fine è il ragionamento che ho fatto anche io, ecco perchè mi sono deciso ad aggiungerla... speriamo almeno che dia qualche frutto...

    RispondiElimina
  19. Beh AMOON qui si può scegliere quasi tutto, non ci sono limiti o costrizioni, ecco perchè a suo tempo decisi di cambiare piattaforma...
    PS da quello che sento in giro e che leggo dai commenti, mi sa che non avrò un futuro tanto diverso...

    RispondiElimina
  20. Ti ringrazio MICROO, di questo sta tranquillo comunque non mancheranno mai :)

    RispondiElimina
  21. Tutto ok Majin!!! ...dovrei aggiornare... :p :p ... e a te come va? Ti senti meglio con la schiena?
    PS: io ti leggerò sempreee! Pubblicità o non pubblicità! :) Kissss :)

    RispondiElimina
  22. E si GUY per fortuna la mia schiena è tornata quasi in perfetta forma, tranne qualche fastidiuccio ogni tanto devo dire che è OK :)
    PS Sei il mio più vecchio lettore, ormai ci avviciniamo ao 5 anni, ci conto di trovarti sempre ^_^

    RispondiElimina
  23. Molti bog, come dici tu, usano titoli da specchietti per le allodole solo per moltiplicare le visite, facendo perdere un sacco di tempo quando cerchi qualcosa nei motori di ricerca.
    E molti, sempre come dici tu, scrivono in funzione del numero di visite.

    Ma non è un obbligo. Si può anche inserire Adsense senza cambiare id una virgola ciò che hai fatto fino a quel momento. È solo un gadget in più. E, se lo sai gestire bene, le pubblicità che inserisci sono attinenti al tema degli articoli, per cui può anche essere utile per chi legge (tipo oggi parlavo di iPad e la pubblicità riguardava servizi di riparazione dell'iPhone, che magari a uno che legge gli serve).

    Detto ciò, io apprezzo molto che Google non imponga la pubblicità come fanno molti siti ma ti lasci scegliere e che ti dia anche l'opportunità di dividere gli eventuali guadagni. Guadagni che non arriveranno mai, sia chiaro, perché solo i blog stravisitati possono raggiungere cifre consistenti.

    Per come la vedo io, forse scordiamo che tutti i servizi della Google sono gratuiti. Quindi far guadagnare (a loro) un po' di più con lo spazio che mi offrono gratuitamente mi sembra una cosa buona, no?

    PS. Ma chi cazzo è sto Jack?

    RispondiElimina
  24. O cielo ROCCIA… non so se sono io ad essere egoista ma non l’avevo mai vista nell’ottica di restituire qualcosa a Google… in effetti a pensarci bene non facendoci pagare nulla e soprattutto non imponendo alcuna linea editoriale tramite censura (cosa che a suo tempo mi spinse a cambiare piattaforma) ci offre un servizio davvero ottimo…
    Che dire mi hai dato uno spunto di vista davvero inaspettato…

    PS ma che favole ti raccontavano da piccolo a te? Mi riferivo a “Jack e la pianta di fagioli magici”… solo che quando la raccontavano a me da piccolo diventava “Giggino e la pianta di fagioli magici” :p

    RispondiElimina
  25. Ah sì, l'avevo letta. È una favola americana, credo. Non ricordavo avesse venduto i fagioli... boh, mi sa che la cerco e me la rileggo :)

    RispondiElimina
  26. In realtà lui va al mercato per vendere la mucca visto che la famiglia è povera in canna, ma per strada incontra uno che gli propone di vendergli la mucca in cambio di una manciata di fagioli dicendogli che sono magici, lui accetta, ma tornato a casa si prende una bella cazziata da parte della madre pensano che il figlio s'è fatto imbrogliare...

    RispondiElimina
  27. Un po' come quello delle lenticchie, insomma... :)

    RispondiElimina
  28. Ecco questa sono io che non la conosco invece... e mo chi è quello delle lenticchie? :p

    RispondiElimina
  29. si chiamava Esaù... È una favola più vecchia di quella di Jack e il fagiolo magico

    RispondiElimina
  30. Roccia io sono bibblicamente ignorante... con me ci vogliono favolette più terra terra :p

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...