sabato 18 settembre 2010

Carpe Diem



"La morte è inevitabile, è una promessa fatta a ognuno di noi alla nascita. Ma prima che la promessa venga mantenuta, tutti noi speriamo che ci accada qualcosa; che sia il fremito di un amore, la gioia di crescere una famiglia o l'angoscia di una grande perdita. Tutti noi speriamo di provare qualcosa, che dia significato alle nostre vite. Ma la cosa triste è che non tutte le vite hanno un significato, alcune persone trascorrono il loro tempo su questo pianeta da spettatori, aspettando che accada loro qualcosa prima che sia troppo tardi".


A differenza di quanto possa sembrare non è una citazione colta tratta da chi sa quale libro impegnato, ma più prosaicamente dal telefilm “Casalinghe Disperate”…


L’avevo postata lo scorso anno sul mio vecchio blog (il caro vecchio Far From Heaven, blog che mi è tornato in mente leggendo un post di FRANCESCO) lo stato d’animo che avevo allora è un po’ lo stesso che ho oggi, cioè quello di vedere la mia vita un po’ vuota (insomma a ben guardare manca tutto in questo momento amore, lavoro, soldi… si c’è la salute, ma te la attacchi se ti manca il resto), ma allo stesso tempo quella di volersi tirare su le maniche ed agire, smettendo di essere uno spettatore e cominciare ad essere attore protagonista.


E voi vi sentite più attori o spettatori?

21 commenti:

  1. da brava "zietta" ti do subito una tirata di orecchie, ovvero: non sottovalutare la salute. finchè ce l'hai non ti sembrerà un granchè, ma se poi la perdi, ti rendi conto di quanto è importante! attrice o spettatrice? uhm... diciamo che io sono per natura portata alla vita contemplativa ma che, dopo aver vegetato per molto tempo, da circa un anno ho ripreso ad agire, cosa che fa sentire molto meglio me e, probabilmente, dà un po' fastidio ad altri. e tuttavia nel mio agire ci sono lavori non retribuiti o retribuiti pochissimo (e quindi una scarsità cronica di liquidi) e dell'amore è meglio che non ne parliamo. apparentemente siamo molto simili, no?

    RispondiElimina
  2. Non so cosa rispondere.. vlgolio pensarci e poi ti dirò cosa penso..

    RispondiElimina
  3. mmm...non posso dire di sentirmi propriamente un attore ma nemmeno uno spettatore...purtroppo una comparsa.

    RispondiElimina
  4. Si zietta hai ragione non lo dico più :p

    Esi CAROLINA lo direi anch'io, siamo molto più simili di quanto si possa credere :)

    RispondiElimina
  5. A guardarti da fuori FRANCESCO se non ti offendi io ti darei del "attore"... insomma non stai lì ad aspettare che le cose accadano, anche se nel tuo piccolo, le cose le fai accadere tu stresso...

    RispondiElimina
  6. FEDE alla fine anche gli attori non protagonmisti possono essere candidati all'Oscar, l'importante è essere a proprio agio nel proprio ruolo...

    RispondiElimina
  7. Da guitto di discreto successo , mi sento il regista della mia vita. Mi passi il narcisismo ? A volte mi sento lo scenografo della mia esistenza !

    RispondiElimina
  8. e sì Majin, forse hai ragione tu ^_^

    RispondiElimina
  9. Avrei voluto essere attore, attore protagonista della mia vita ma non è andata proprio così. Ma un po' mi ribello all'essere solo spettatore e allora lavoro dietro le quinte: in silenzio, senza fare il comprimario, contribuendo però a "cambiare" e a "dare il mio tocco" a ciò che si vede in scena.

    Però ricorda: il "senso" va oltre ciò che abbiamo e non abbiamo. :)

    RispondiElimina
  10. Addirittura regista BIMBOVERDE? E' segno allora che la tua vita va esattamente nella direzione che vuoi e questa è davvero una gran bella cosa... ti auguro che possa andare sempre in questa direzione :)

    RispondiElimina
  11. Bebe FRANCESCO allora farò bene a farmi fare un autografo prima che diventi troppo famoso e ti scorderai di noi gente comune :p

    RispondiElimina
  12. Non temere (IN)CONSAPEVOLE per fortuna non confondo ciò che ho con ciò che sono... dal punto di vista di ciò che sono mi ritengo piuttosto "ricco" e certo non me ne lamento, è solo che a volte, distaccandoti un attimo, vede che magari la vita ha preso una direzione che non è quella che avresti voluto e ciò solo perchè non hai preso in mano le redini e hai agito un pò più da attore che non da spettatore...
    PS comunque grazie per il suggerimento... fa sempre bene ricordarselo :)

    RispondiElimina
  13. No, intendevo un'altra cosa, non mi sono spiegato e non intendevo dare consigli dall'alto. Volevo partecipare qualche mia convinzione: che c'è un "senso" che va oltre quello che riusciamo ad ottenere. Che, partendo dalla frase delle Desperate Housewives, una vita può avere "significato" indipendentemente da come è andata. Che questo senso bisogna trovarlo, e facile non è. Ma il punto è che forse per qualcuno anche far lo "spettatore" può acquisire senso. Se lo spettatore sa ancora provare "meraviglia" e "amore" e partecipare alle vite degli altri. Non scriverà il copione, quello no, ma sa che senza quelli come lui non ha senso la recita degli altri. Certo, l'ambizione a cui tutti siamo chiamati è avere in mano le "redini" della nostra vita ma comunque dubito che ci sia qualcuno che possa gestirla in toto. E' una recita che si recita a soggetto, e per fortuna riserva colpi di scena e intromissioni.

    L'augurio perchè tu possa avere ciò che ti può agevolare in questa ricerca di senso (amore, lavoro, etc) è la prima cosa che desidero per la bella persona che sei.

    RispondiElimina
  14. Addirittura Majin.. gli amici non si scordano mai e poi mai ^_^ e non sono solo parole

    RispondiElimina
  15. A ben guardare (IN)CONSAPEVOLE mi sa che è così; è impensabile che un’intera vita non abbia un senso, magari non è quello che speravamo, ma credo che un senso debba esserci per forza, quanto poi ad individuarlo quella si che è un’impresa ardua…
    Io poi non condanno assolutamente lo spettatore, anzi io credo di avere una natura più da spettatore che da attore e non posso dire che questo “ruolo” mi dispiaccia, però credo anche se lo spettacolo comincia non piacere più, ad annoiare o a prendere una piega sgradita, allora bisogna anche far qualcosa per dare una smossa alla storia… in fondo non è una storia qualsiasi, ma è la nostra vita...

    PS grazie hai scritto davvero una cosa molto bella che mi ha fatto davvero molto piacere :)

    RispondiElimina
  16. E conoscendoti un pochino FRANCESCO mi sa che è vero :)

    RispondiElimina
  17. Mi fa piacere, sentirtelo dire ^_^

    RispondiElimina
  18. Il piacere di questo scambio, ti assicuro, è tutto mio. XXX

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...