lunedì 6 settembre 2010

“questo è sbagliato”

L’egoismo non consistere nel vivere come ci pare, ma nell’esigere che gli altri vivano come pare a noi… (Oscar Wilde).


Numerosi sono ancora i paesi al mondo in cui, con l’accusa di omosessualità (o più precisamente di sodomia) si rischia ancora la pena di more, l’ergastolo, i lavori forzati o svariate decine di anni di galera…


Ecco questo è egoismo…


Obbiettivamente c’è molto da riflettere su questa affermazione, le persone sono degli individui unici, irripetibili con passioni e pulsioni totalmente peculiari che non possono essere confinate all’interno di leggi e regole restrittive che impediscono il normale, sano e sereno sviluppo dei rapporti interpersonali…


Il caso di Ebrahim Hamidi di cui vi ho parlato la scorsa volta e della sua condanna a morte in Iran con l'accusa di sodomia mi ha decisamente dato molto su cui riflettere.

In certi casi non si può abbassare la testa e fingere di guardare altrove, nel poco come nel molto le nostre azioni, per quanto possano apparire insignificanti, hanno un loro peso… nel poco come nel molto alzare la testa e far sentire la propria voce e dire “questo è sbagliato”, non ha prezzo, perché toglie l’amaro sapore del rimpianto di non aver fatto.



Numerose a riguardo sono le iniziative sul web che riguardano il caso di Ebrahim, io vorrei portare alla vostra attenzione quella di Amnesty International

20 commenti:

  1. Grazie BIMBOVERDE, non solo per ciò che hai fatto, ma anche perchè così mi permetti di sentirmi un pochio utile...

    RispondiElimina
  2. Hai ragione in tutto Majin.. io e Giovy avevamo fitmato già qualche giorno fa.. permettermi di unirmi a te e lanciare un appello ai tuoi lettori: FIrmati in tanti!
    ciao Majin e buona notte

    RispondiElimina
  3. Decisamente ben accetto il tuo appelo FRANCESCO, speriamo ci siano molte firme e sopratutto che colgano nel segno!

    RispondiElimina
  4. hai fatto benissimo a segnalare l'appello di Amnesty. io ho sempre pensato che se tutti facessero anche solo un piccolo gesto ogni tanto potrebbero contribuire a cambiare le cose in meglio. può darsi che sia solo un'illusa, ma non smetterò per questo!

    RispondiElimina
  5. Che tristezza sapere che esistono ancora cose di questo tipo. Noi siamo messi male, ma ci sono anche altri posti dove stanno peggio...

    RispondiElimina
  6. Ho visto gente che non ha davvero
    bisogno di presentazioni
    per inserirsi nelle mie faccende personali
    dice che devono salvare
    che mi devono aiutare
    a vivere come secondo loro pare

    Vasco

    RispondiElimina
  7. Sono perfettamente daccordo CAROLINA, in fondo come ho scritto anche nel posti nel poco come nel molto le nostre azioni hanno un loro peso... quindi non smettere mai!

    RispondiElimina
  8. In effetti RANO, nonostante la sitazione italiana non si possa dire felice, sicuramnte è di gran lunga migliore rispetto a quella di altri (troppi) paesi al mondo... tutto sommato siamo fortunati ed è triste descrivere questa come una situazione fortunata...

    RispondiElimina
  9. Grandissimo Vasco... ottima citazione PIER :)

    RispondiElimina
  10. Semplicemente grazie G.A.M. :)

    RispondiElimina
  11. Occorre che davvero noi per primi ci responsabilizziamo, allertandoci e lasciandoci coinvolgere da situazioni che solo geograficamente sono lontane da noi. ne va della nostra stessa umanità. Grazie perchè ce lo ricordi puntuualmente, impedendoci di sonnecchiare!

    RispondiElimina
  12. hai scrito un bellissimo post al quale non mi sento di aggiungere nulla. Condivido esattamente tutto ciò che hai scritto!Ciao bello

    RispondiElimina
  13. Sai ESKY sonnecchiare è facile e viene quasi spontaneo farlo senza neppure accorgersene... questi post, come alche altri, li indirizzo prima di tutto a me stesso perchè non voglio diventare indifferente a queste barbarie...

    RispondiElimina
  14. Che dire AMOON, su certi valori, certi principi non si può transigere... si deve solo dire ad alta voce come stanno le cose!

    RispondiElimina
  15. Fatto!
    E che bella la citazione del nostro Wilde che mi provoca: vedo un mondo di gente che dice agli altri ciò che è giusto e sbagliato, ma credo che questa tentazione di credere che "quello che penso io è giusto" sia molto diffusa in tutti, con modalità differenti, me compreso. Mi fa paura chi ha sviluppato cotanta convinzione e consapevolezza che non dubita mai di se stesso e delle sue idee.
    Dovremmo imparare tutti a farci più piccoli e trasformare i nostri "io..." in "noi..."

    RispondiElimina
  16. Come hai ragione caro (IN)CONSAPEVOLE, purtroppo la gente tende a farsi prendere con estrema facilità dal "demone" della superbia ed è portata a credere che le proprie idee ed il proprio punto di vista siano sempre quelli giusti a scapito degli altri... Come te nemmeno io posso escludermi da questo nutrito gruppo di persone, però, ed è questo che ogni tanto mi salva, sono sempre stato convinto che guardare alle cose anche dalla prospettiva altrui sia l’unico modo per farsi un quadro completo dei fatti…
    Guardare le cose con lo sguardo altrui può farci capire che gli altri non hanno infondo tutti i torti e che al contrario forse dovremmo essere noi a modificare un po’ la nostre posizioni…

    RispondiElimina
  17. ... vedrò di non tardare ancora molto Majin! :) KISSSSSSSSSSSSS

    RispondiElimina
  18. Di questo ne sono davvero contento GYU... i tuoi post cominciano a mancarmi :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...