giovedì 4 marzo 2010

Resoconti di viaggio… Kobe

Continuando il resoconto sul mio viaggio in Giappone, oggi vi parlo di Kobe, un importante città commerciale che si trova nella baia di Osaka, ai piedi del monte Rakko.


In realtà vederla non era proprio nei programmi, ma come spesso accade in viaggio si conoscono persone che ti fanno cambiare idea sulle cosa da fare o non fare… in questo caso abbiamo conosciuto una ragazza molto simpatica con cui abbiamo stretto subito amicizia ed insieme abbiamo organizzato questa escursione, che in realtà è stato più un rapido mordi e fuggi.

Kobe non è una città turistica quindi ha ben poche attrattive, ma se ci si trova nelle vicinanze è il caso di darci una rapida occhiatina…


Una prima tappa immancabile sono i giardini giapponesi della città, un vero spettacolo per gli occhi, ma anche per il cuore. A me personalmente sono piaciuti anche più di quelli di Tokyo...



Un’altra tappa che le guide consigliano, ma che io ho trovato molto noiosa, è stata il tour delle case in stile occidentale, infatti, essendo stata fra le primissime città giapponesi ad aprirsi all’occidente è piena di case in stile risalenti al secolo scorso…

Da lì una tappa obbligata è il passaggio per la cinatown cittadina, dove si può mangiare una delle migliori cucine cinesi di tutto il giappone… figuratevi che anch’io, che sono difficile in fatto di cucina cinese, ho trovato tutto buonissimo ed ho fatto anche il bis :)


Dopo pranzo ne abbiamo approfittato per fare un giro all’osservatorio cittadino per vedere la città dall’alto e lo spettacolo è stato decisamente mozzafiato, si vedeva tutta la baia e l'isola artificiale che la fronteggia. Quindi abbiamo fatto una (dovuta) tappa al monumento ai caduti del terremoto. Nel 1995 la città fu scossa da un tremendo terremoto che ha fatto più di 6000 vittime, oggi queste vittime sono ricordate con uno stupendo monumento: dall’esterno si nota solo una lampada perennemente accesa, ma accedendo all’interno del monumento si arriva in un’enorme sala sulle cui pareti sono scolpiti i nomi delle vittime e il cui soffitto altro non è che il fondo in vetro di una fontana… sarà per il rispetto che il posto suscita ma a me è rimasto molto impresso…


In fine il pezzo forte della città, cioè il porto. Per prima cosa abbiamo fatto un giro in traghetto dal quale si godeva una splendida prospettiva sulla città e sui due caratteristici edifici del porto: la torre del porto e il museo marittimo che di sera, illuminati, conferiscono un aspetto quasi magico al paesaggio… alla torre (fra i più alti edifici della regione) si può accedere e ovviamente non ci siamo fatti sfuggire l’occasione di salirci…


12 commenti:

  1. Non sapevo fossi finito anche in Giappone!!! dev'essere una terra meravigliosa ne sono sempre stato atratto!!! effettivamente uno come te non poteva non essere mai stato in Giappone!!!!! lo dicevo che c'era qualcosa in più in te ...notte RIOT

    RispondiElimina
  2. Si RIOT è una terra stupenda... ci sono stato con degli amici per un mesetto l'anno scorso ed è un'esperienza che mi porterò dentro per sempre... Non solo per i posti in se, ma anche per la gente, la cultura e quel fascino tutto misterioso che il Giappone ha avuto su di me fin da ragazzino :)

    RispondiElimina
  3. A me piacciono molto questi alberi "giapponesi" ...dalla forma strana...quasi delle statue o dei corpi immobili... non so nemmeno descriverli! ...quei rami... quelle ondulature... non ne ho mai visti qui da noi! :) :) ...per il resto beh... anche a me e' capitato di partire... e poi aggiungere qualche tappa non in programma! :D E' eccitante direi :D :D kisss notte bello!

    RispondiElimina
  4. Che bella il Giappone, ha un fascino disarmante. Riesce al tempo stesso ad essere moderna senza perdere quel gusto per l'antico. Bellissima!

    RispondiElimina
  5. Sai GUY, seppure hanno una "predisposizione" la forma di questi alberi è dovuta ad un lungo e laborioso lavoro di rimodellamento da parte dei giardinieri... insomma c'è lo zampino dell'antica arte giapponese del giardinaggio...
    PS io adoro i fuori programma, in genere sono la parte più divertente dei viaggi :)
    Ciao bello un bacione :)

    RispondiElimina
  6. E' verissimo PISOLO in Giappone coesistono antico e moderno, ma non lo fanno in modo stridente, come a volte capita di vedere da queste parti, anzi direi addirittura in modo armonico :)

    RispondiElimina
  7. Si scompre sempre qualcosa con te! :) :) ... non la sapevo questa del rimodellamento :D Kiss_By_IMSOGUY!

    RispondiElimina
  8. cavoli che posto incantevole...certo vedere tutta questa tecnologia e futuro...non ero più abituato ;)

    RispondiElimina
  9. Hai fatto un viaggio fantastico: la città occidentale , i parchi del paesino , Il monumento per la commemorazione dei defunti, la cucina cinese....vi eravate scocciati di mangiare sempre pesce crudo ? ehehehehehe Baci

    RispondiElimina
  10. In effetti GUY non si finisce mai di imparare :) Io l'ho scoperto nei giardini di Tokyo... Ciao bello un bacione e buona notte :)

    RispondiElimina
  11. Questo è vero AMOON, però fare come hai fatto tu e stare un pò lontani dalla teconologia è rigenerante :) Ora devi farci vedere la foto però :P

    RispondiElimina
  12. Beh DINO a dire il vero di pesce crudo ne abbiamo mangiato ben poco... certo che i nostri piatti di sushi e sashimi c'è li siamo mangiati, ma dire il vero abbiamo mangiato molta pasta in brodo e sopratutto fritti sia di pesce che di verdure...
    Discorso a parte quello dell'esperienza della pizza giapponese...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...